GameStorm

Recensione di EA Sports UFC

Titolo: EA Sports UFC
Genere: Simulazione Sportiva / Picchiaduro
Piattforma: PlayStation 4
Sviluppatore: EA Sports Canada
Publisher: EA Sports
Data di uscita: 19 giugno 2014

Dopo il KO di THQ, EA entra nella gabbia

Nonostante il boom mediatico che ha interessato le MMA, soprattutto nell’ultimo anno, probabilmente c’è ancora qualcuno che non le conosce: le mixed martial arts o arti marziali miste sono uno sport da combattimento a contatto pieno, dove il regolamento permette di sfoggiare sia tecniche di percussione (come calci, pugni, gomitate e ginocchiate), che prese, clinch, proiezioni, leve e tentativi di sottomissione (tecniche di lotta). Insomma, come dice il termine stesso, si tratta di un vero e proprio mix “brutale” che da origine a combattimenti duri e crudi in cui basta un minimo errore per permettere ad un avversario in difficoltà di ribaltare completamente il match. Dal 2009 allo scorso anno, THQ aveva sfruttato la licenza UFC, ovvero dell’Ultimate Fighting Championship, realizzando titoli validi che percorrevano maggiormente la strada della “simulazione” rispetto a quella “arcade”. A causa del fallimento della software house, i diritti sono stati quindi raccolti dalle mani esperte di EA SPORTS Canada. Saranno riusciti gli sviluppatori canadesi a vincere l’ennesima sfida in questa nuova (per loro) disciplina? 

Un ottimo modo per sfogare un po’ di stress…Senza prenderle

Parliamoci chiaro: le arti marziali, sono affascinanti. Ma per quale motivo? Semplice è un pretesto per esprimere il proprio lato “selvaggio” senza essere etichettati come tale. Perché è vero che si tratta di uno sfoggio di tecniche imparate con faticosi allenamenti fisici e mentali, ma allo stesso tempo nella lotta c’è e ci sarà sempre quella componente animale che nella vita di tutti i giorni lasciamo al guinzaglio senza permetterle di fuoriuscire. Ovviamente un videogame non rappresenta la medesima valvola di sfogo ma vi assicuriamo che le sensazioni, pad alla mano, sono intense, divertenti e soprattutto meno dolorose. Analizzando in quest’ottica le modalità offerte dal titolo, passando dalle sezioni offline a quelle online, ci siamo trovati davanti ad un’escalation di adrenalina. Andiamo per gradi, partendo dalla parte più lenta e per certi versi noiosa del titolo: la carriera. Dopo le fasi di creazione del personaggio, in puro stile EA, inizierà l’ascesa del lottatore creato, a partire dallo show The Ultimate Fighter. Pur essendo piacevole all’inizio, quando ancora non si ha la massima dimestichezza con i comandi del gioco, questa modalità si fa piuttosto ripetitiva con il passare degli incontri e ritorna ad avere una certa verve solo nei match decisivi per entrare nell’olimpo della lega UFC. Qualche intervallo rappresentato da dei minigiochi piuttosto semplici e dei video, rende più vario il tutto ma la sensazione è quella di un passo indietro rispetto a quanto fatto da THQ nell’ultimo Undisputed, forse nel tentativo di creare qualcosa di più “commerciabile”. Alla “monotonia” del single player contribuisce anche un’intelligenza artificiale non troppo evoluta, problema che consigliamo di risolvere, in parte, aumentando il livello di difficoltà.

D’altro canto il multiplayer online è buonissimo e incarna al massimo il senso del gioco: la sfida senza esclusione di colpi. Infatti, matchmaking e netcode funzionano in modo “pulito” e senza rilevanti fenomeni frustranti come lag e connessioni perse. Inoltre lo scontro con un avversario umano offre sicuramente una sfida più accattivante rispetto a quella proposta dall’IA. E’ presente inoltre un “Fightnet” che offre ad esempio i replay migliori della settimana, vari highlights e video ufficiali dell'UFC.

Un giusto mix tra divertimento e simulazione

Analizzando il gameplay si nota fin da subito l’impronta EA. Nonostante il team abbia tentato di dare al titolo un carattere generale di “simulazione”, il sistema di gioco è, nella sua complessità, bilanciato e piacevole. Dopo aver padroneggiato i comandi nel tutorial iniziale, il tutto può sembrar semplice ma molto è affidato alle tempistiche e all’avversario, soprattutto quando si combatte contro un altro umano. Calci e pugni sono controllati dai tasti frontali, mentre tramite i dorsali si eseguono delle variazioni, colpi più potenti e più spettacolari ma che richiedono una quantità maggiore di stamina. Il combat system, infatti, porta il player a evitare di attaccare alla cieca, a favore di un’azione più meditata. Insomma, è fondamentale saper colpire al momento giusto per evitare un inutile dispendio di energia. Non mancano tuttavia i cosiddetti colpi “random” capaci di ribaltare in pochi secondi l’esito di un match. In realtà, in base alla nostra esperienza, quando le condizioni lo permettono, è divertente (e liberatorio) anche attaccare in stile rage moment, sperando di mettere a segno qualche colpo ai danni del mal capitato inesperto. 

Clinch, proiezioni, transizioni a terra, e sottomissioni, affidate allo stick analogico, sono la parte meno riuscita del gameplay. Rappresentano più che altro un doveroso extra estetico ma poco funzionale ai fini della vittoria dell’incontro, soprattutto quando si gioca in single player. 

Nel complesso i numerosi stili di combattimento, uniti ai “perks” e alle mosse caratteristiche dei quasi 100 lottatori, permettono di ottenere match tecnicamente vari e mai scontati.

Ignite Engine: il colpo segreto di EA

Per quello che abbiamo visto fin ora, il gioco EA risulta al di sotto del predecessore THQ ma è nel comparto tecnico che, invece, mostra i muscoli (anche nel vero senso della parola). Il salto grafico rispetto a Undisputed è netto e il motore grafico Ignite sfoggia egregiamente le proprie qualità. I dettagli delle texture dei lottatori sono incredibili: pelle, sangue, sudore, danni, tensione muscolare ed espressioni facciali, raggiungono un realismo mai visto prima in un titolo del genere. Pur con qualche piccola imperfezione notata in alcune sovrapposizioni di poligoni, anche la gestione della fisica è ottimale e sembra quasi trasmettere al giocatore la violenza degli urti. A questo si accompagna una buona gestione dei colori, dei riflessi e del gioco luci/ombre in generale. Le arene sono presentate nell’intro al match ma poi la telecamera si focalizza sui lottatori. Questo espediente permette al motore grafico di poter gestire un numero minore di animazioni superflue, offrendo di conseguenza combattimenti più fluidi con sporadici (ma comunque presenti) cali di framerate.

Il comparto audio è nella norma, non eccelle e non delude: i suoni del match sono buoni, la telecronaca invece è troppo spesso ripetitiva e a volte fuori tema (come capita spesso in altri titoli EA Sports).

In sintesi

THQ ha gettato la spugna è vero ma la sua eredità pare essere finita in buone mani. EA Canada ha sfornato un titolo che riprende in parte la simulazione del predecessore, rielaborandola in qualcosa di leggermente più commerciale. Parlando in termini sportivi, pensiamo che il nuovo UFC abbia necessità di ulteriori allenamenti per poter gareggiare al meglio, soprattutto se si considerano le modalità di gioco in sigle player. Nonostante questo il primo round di questa “nuova carriera UFC” intrapresa da EA è vinto, grazie soprattutto al colpo speciale “IGNITE ENGINE”. Acquisto consigliato agli amanti del genere e non solo.

Pro:

  • Tecnicamente splendido
  • Fisica gestita in modo più che buono da Ignite
  • Le Sfide Online sono divertentissime

Contro:

  • Modalità single player piuttosto deludenti
  • Fasi di combattimento a terra praticamente inutili
  • Telecronaca ripetitiva e, a volte, fuori tema

VALUTAZIONE COMPLESSIVA: 7.5

La recensione di EA Sports UFC è stata scritta e curata da Gabriele.Eltrudis per GameStorm.it, pubblicata il 29-08-2014

Commenti sulla recensione (1)

Ultimi commenti degli utenti

lascia un tuo commento


Scrivi un commento

Commenti
avatar di G-PqV
29-08-2014
G-PqV

Davvero divertente! Mi è piaciuto tanto.

0
Messaggio non inserito o troppo corto.
 
 

×

EA Sports UFC

  • Immagine della copertina del gioco EA Sports UFC per PlayStation 4
  • Data di uscita:
    12-06-2014
  • Categoria:
    picchiaduro
  • Disponibilità per:
    XONE PS4
  • Popolarità:
    1.64 %

Per effettuare questa azione occorre essere registrati.

×

Valutazione del gioco 7.2

L'ultimo voto è stato 8 dato da paki98

Valutazione personale N/D

Dai la tua valutazione a EA Sports UFC
 

Elenco degli utenti collegati in questo momento su gamestorm

×