GameStorm

Recensione di Pawarumi

Titolo: Pawarumi
Genere: Action, Shooter
Piattaforma: PC, Xbox One, Nintendo Switch (testata)
Sviluppatore: Manufacture 43
Produttore: Manufacture 43
Data di uscita: 24 Luglio 2019

Blasta tu che blasto anch’io

Gli shoot 'em up hanno saputo affascinare i videogiocatori fin dalle prime incarnazioni, impossibile non menzionare Galaga o Space Invaders, come pure R-Type o Gradius e soci. In realtà nel genere si possono giustamente includere giochi “a piedi” come Contra o la serie di Metal Slug, ad esempio, ma sono quelli con le astronavi quelli forse più iconici e rappresentativi del genere. Nel 2001 fece capolino un certo Ikaruga che aveva portato una ventata di aria fresca, facendo inoltre breccia nel cuore dei gamer. Ciò che caratterizzava la produzione di Treasure era l’utilizzo di due differenti tipi di laser, di colore diverso, che dovevano essere utilizzati nella giusta sequenza contro i nemici di colore opposto per ottenere bonus o per caricare l’arma speciale. Il team di sviluppo francese Manufacture 43 - con questo loro primo lavoro - ha ripreso quel tipo di meccanica di gioco ampliandolo e portando a tre in numero di “colori” d'attacco  disponibili, creando così svariate possibilità tattiche di combattimento. Il titolo della loro fatica è Pawarumi, produzione disponibile per XBOX One, PC e Switch (versione che andiamo ora ad analizzare).

In America si usavano astronavi...poi arrivò Colombo...

Ci troviamo in una realtà alternativa in cui, pur trovandoci in epoca pre-colombiana, la tecnologia è decisamente sviluppata al punto che si hanno a disposizione astronavi e laser super concentrati dalla potenza spropositata. Axo, la donzella che ci rappresenta in questo bizzarro mondo virtuale, è al comando di un’astronave chiamata Chukaru ed è stata chiamata a sbarazzarsi dei soliti cattivi di turno in una storia non particolarmente ispirata ma sufficiente a spingere il giocatore a leggere gli scritti che appaiono in schermate statiche alla fine di ogni livello.

Tre colori e pochi istanti per decidere come usarli

Come detto in apertura, quello che caratterizza la produzione è un forte richiamo al più che apprezzato Ikaruga. Infatti, anche in Pawarumi sono presenti diversi attacchi - tre nello specifico - ognuno rappresentato da un colore diverso: Serpente Verde, Condor Azzurro e Giaguaro Rosso. Gli attacchi non si differenziano solo nel colore ma anche nel raggio d’azione.

Nello specifico, l’attacco verde è un insieme di piccoli beam che a distanza ravvicinata riesce a colpire più bersagli mentre a distanza riesce a concentrarsi maggiormente su un unico avversario; l’attacco azzurro è un laser concentrato che colpisce unicamente in traiettoria verticale mentre l’attacco di tipo rosso consiste in un gruppo di missili che, una volta lockato l’obiettivo, scarica tutta la propria potenza.

Il fulcro della tattica di gioco risiede nello sfruttare opportunamente i colori dello shooting e questo perché anche i nemici sono divisi in questa triade cromatica e a seconda di come si combinano le tinte di attacco con quelle dei nemici si hanno diversi risultati. Anche il risultato dell'offensiva, quindi, cambia e nello specifico si hanno tre soluzioni denominate Crush, Boost e Drain.

La combinazione Crush permette di infliggere un danno maggiore alle astronavi avversarie, in questo caso è necessario colpire i nemici di colore rosso con il raggio verde, gli avversari azzurri con il raggio rosso e i nemici verdi con il laser azzurro.

Sfruttando la combinazione Boost è, invece, possibile ricaricare il proprio scudo - unico per tutta la durata del gioco - colpendo i nemici con il raggio del loro stesso colore (blu contro blu, verde contro verde e rosso contro rosso) mentre, infine, invertendo l’ordine di attacco di Crush è possibile caricare l’arma speciale. Queste tre soluzioni tattiche offrono una buona sfida al giocatore che si trova così nella situazione di dover prendere, nel giro di pochissimi istanti, la soluzione migliore per il combattimento complessivo.

Inizialmente il tutto può sembrare macchinoso ma, una volta entrati in confidenza con il gameplay, il gioco riesce a dare soddisfazioni e a divertire. Peccato per una longevità infima (circa cinque o sei ore per completare il gioco a tutte e tre le modalità Facile, Normale, Difficile -NdR-) il che spiega il perché della scelta di una sola unica vita a disposizione. Allo stesso tempo questa impostazione produttiva può presto annoiare chi non è un forte patito del genere a causa della forte ripetitività di fondo. Sono presenti solo due modalità di gioco: Arcade e Allenamento, quest’ultima molto utile per imparare i vari pattern d’attacco alla ricerca del punteggio migliore che appare poi in una leaderboard mondiale, oltre che un sintetico ma ben chiaro tutorial. 

Estetica di basso profilo

Pawurumi gira molto bene indifferentemente che lo si giochi in modalità Dock che in modalità Handheld non mostrando particolari differenze di sorta tra una o l’altra configurazione di gioco anche se, in modalità portatile, diventa un po’ più confusionario. Consigliamo, in ogni caso, di giocarlo con un Pro Controller.

Il design generale risulta poco ispirato e piuttosto anonimo anche se ben realizzato e non si notano rallentamenti di sorta se non, per assurdo, nelle fasi di caricamento o nelle scene statiche tra un livello e l’altro.

Le musiche sono piuttosto azzeccate all’azione di gioco ma di certo nulla che possa fissarsi nella mente del giocatore.  

In sintesi:

Pawurumi è un buon Arcade appartenente alla gloriosa famiglia degli shooter a tema spaziale con, però, una serie di piccolezze che, se sommate assieme, non possono non essere prese seriamente in considerazione. Il titolo in sé risulta sufficientemente divertente e frenetico con quel pizzico di tattica che può portarlo ad essere amato da chi è fortemente patito del genere ma un po’ troppo ostico e ripetitivo per chi cerca qualcosa di più “immediato”. Aggiungiamo la presenza di sole due modalità di gioco (contando Allenamento però! -NdR-), una longevità veramente bassa e una lore che giustifica appena la modalità Arcade ed ecco che abbiamo un titolo che poteva osare decisamente di più.

Pregi:

  • Frenetico e ostico...
  • Molto buone le soluzioni tattiche d’attacco.
  • Buona ottimizzazione.
  • Leaderbords.

Difetti:

  • ...forse anche troppo per i neofiti.
  • Una sola vita per completare il gioco.
  • Un po’ confusionario in versione portatile.

VALUTAZIONE COMPLESSIVA: 7

La recensione di Pawarumi è stata scritta e curata da Lian165 per GameStorm.it, pubblicata il 10-08-2019

Commenti sulla recensione (0)

Ultimi commenti degli utenti

lascia un tuo commento


Scrivi un commento

Commenti
Messaggio non inserito o troppo corto.
 
 

×

Pawarumi

  • Versione switch in esclusiva digitale
  • Data di uscita:
    24-07-2019
  • Categoria:
    sparatutto
  • Disponibilità per:
    SWITCH XONE
  • Popolarità:
    0 %
  • switch

Per effettuare questa azione occorre essere registrati.

×

Valutazione del gioco 7

L'ultimo voto è stato 7 dato da G-PqV

Valutazione personale N/D

Dai la tua valutazione a Pawarumi
 

Elenco degli utenti collegati in questo momento su gamestorm

×