GameStorm

Recensione di Secret of Mana

Titolo: Secret of Mana
Genere: JRPG
Piattaforma: PlayStation Vita
Sviluppatore: Square Enix
Publisher: Square Enix
Data di uscita: 18 febbraio 2018

Il nome Secret of Mana potrebbe risultare un déja per alcuni, soprattutto coloro che all’inizio degli anni ’90 erano adolescenti e hanno passato il loro tempo libero sulle console marchiate con la grande N. Il nome, infatti, è quello di uno dei titoli più venduti dell’epoca, che si era fatto largo tra l’allora concorrenza grazie a un gameplay che puntava tutto sull’azione, in netto contrasto all’usuale approccio che invece vedeva i turni a scandire le sequenze degli attacchi.

Il successo strabiliante, ottenuto inizialmente nel Paese del Sol Levante, convinse la softwarehouse a tentare il salto nek vuoto esportando la produzione in occidente, dove il trionfo di vendite fu ripetuto consacrandolo come uno dei titoli più venduti dell’epoca.

A 25 anni di distanza Square Enix ne propone un riarrangiamento in salsa 3D per PsVita (e PS4), una sottovalutata console che negli ultimi anni sembra essere stata declassata a terra di conquista dei titoli JRPG.

Spada nella roccia

La narrativa del gioco parla di un giovane orfano di nome Randi, che nelle sue peripezie quotidiane si trova di fronte alla classica spada conficcata nella roccia, e senza pensarci due volte tenta di estrarla, riuscendoci facilmente. Peccato tuttavia che tale gesto portò alla liberazione di mostri, i quali attaccarono il villaggio da dove il protagonista proviene. Ne conseguì una lotta contro gli invasori e dopo il ritorno alla normalità il povero Randi viene esiliato per le vicissitudini causate.

Da qui comincia la vera avventura di Secret of Mana, che vedrà il povero Randi girovagare per il suo mondo fantastico alla ricerca del motivo per cui proprio lui è stato capace di estrarre la spada, accompagnato da due altri personaggi che rispondono al nome di Primm e Popoi, rispettivamente una biondina e un folletto che si renderanno protagonisti (nel bene e nel male) anche nel gameplay.

La narrativa affronta tematiche apparentemente leggere, senza lesinare in passaggi più complicati e drammatici. Il tutto è raccontato con un buon doppiaggio in lingua giapponese e uno discreto in lingua inglese, ma va detto che purtroppo i personaggi rimangono totalmente inespressivi e non esiste movimento labiale alcuno ad accompagnare le voci, senza dimenticare la ripetitività di fondo delle battute e delle gag che mineranno il risultato della narrativa.

Gameplay all’epoca innovativo

Il gameplay consiste nell’esplorazione di dungeon piuttosto semplici e lineari alla ricerca di un boss di fine livello, che dovrete affrontare al fine di ottenere in cambio preziosi globi e soprattutto armi aggiuntive per equipaggiare i vostri compagni di viaggio.

Come accennato, la caratteristica innovativa per l’epoca della prima pubblicazione era la natura del gameplay, in tempo reale, in netto contrasto con la struttura a turni che allora rappresentava lo standard. Durante il gioco avrete il controllo di uno dei tre personaggi, mentre gli altri due possono essere impersonati da altri due vostri amici nella modalità multiplayer in locale, oppure lasciarli relegati all’AI che tuttavia non brilla, esibendosi spesso e volentieri in inconvenienti che vedranno i vostri comprimari piantati in alcuni angoli delle ambientazioni, oppure li vedrete correre incontro alla morte certa durante gli scontri, costringendovi a far loro da badante distogliendovi dai vostri obiettivi.

Il sistema di combattimento è piuttosto ben strutturato, caratterizzato da una barra che si ricarica ogni qualvolta che sferrerete un colpo. I vostri fendenti saranno tanto potenti quanto la barra sarà carica, un sistema porta inevitabilmente al declassamento del classico button smashing, che si rivela quanto meno inefficace, se non in talune circostanze dove tenterete di bloccare gruppi di nemici, mentre i vostri compagni li finiranno con colpi più potenti. Ne risulta un gioco frenetico, strategico quanto basta ed equilibrato, anche se di tanto in tanto vi accorderete di come le situazioni in spazi stretti porteranno spesso e volentieri al caos.

Tecnicamente rivisitato

Il gameplay è stato qui riproposto in toto, con l’unica differenza che consiste nella possibilità di direzionare il vostro giocatore in infinite direzioni invece delle canoniche 4 del titolo originario.

Tecnicamente il gioco è caratterizzato da una grafica tridimensionale capace di non sfigurare sul piccolo schermo della nostra PsVita grazie a modelli poligonali discreti, anche se va detto che si nota qualche spigolo di troppo e le animazioni sono tutt’altro che varie.

Le musiche sono state riarrangiate e risultano piacevoli nell’accompagnare il gioco, anche se non brilla più di tanto.

In conclusione

Secret of Mana è la rivisitazione in chiave contemporanea, riadattandolo alle caratteristiche della nostra PsVita, del titolo che 25 anni fa si è rivelato uno di più grandi successi dell’epoca.

Un gameplay riarrangiato con la sola aggiunta della libertà di movimento in tutte le direzioni, rispecchia in toto quanto era stato proposto all’epoca, con un combat system che disincentiva il button smashing grazie all’accorgimento della barra che regola la potenza dei colpi, la quale si ricarica dopo ogni fendente scoccato.

Tecnicamente siamo di fronte a un titolo rimaneggiato il minimo sindacale per renderlo in linea con le produzioni contemporanee, anche se l’approccio minimalista degli sviluppatori è evidente.

Pregi

  • Gameplay efficace e ben congegnato
  • Nostalgica riproduzione di un classico

Difetti

  • Tecnicamente sottotono
  • AI dei compagni da rivedere

VALUTAZIONE COMPLESSIVA: 6

La recensione di Secret of Mana è stata scritta e curata da monsteruno per GameStorm.it, pubblicata il 15-03-2018

Commenti sulla recensione (0)

Ultimi commenti degli utenti

lascia un tuo commento


Scrivi un commento

Commenti
Messaggio non inserito o troppo corto.
 
 

×

Secret of Mana

  • Versione psvita in esclusiva digitale
  • Data di uscita:
    15-02-2018
  • Categoria:
    giochi di ruolo
  • Disponibilità per:
    PS4 PSVITA
  • Popolarità:
    0 %
  • psvita

Per effettuare questa azione occorre essere registrati.

×

Valutazione del gioco 6

L'ultimo voto è stato 6 dato da ozzo

Valutazione personale N/D

Dai la tua valutazione a Secret of Mana
 

Elenco degli utenti collegati in questo momento su gamestorm

×