GameStorm

Recensione di God of war 2


Titolo: God of War II
Genere: Azione
Console: PS2
Sviluppatore: SCEI US
Casa Pubblicante: SCEA
Pubblicazione: 27 aprile 2007

 

Due anni fa avevamo lasciato Kratos sul trono dello spodestato ex dio della guerra Ares a godersi il meritato successo. Tuttavia, come spesso accade, la fame di potere porta a crearsi pericolosi nemici.

TRAMA

Il gioco inizia narrando le vicende che seguono la conquista, da parte di Kratos, del posto sul monte Olimpo dell’ex dio della Guerra Ares. Grazie all’enorme potere acquisito si fa condottiero dell’esercito di cui faceva parte, quello di Sparta, conducendolo alla vittoria in ogni angolo del mondo all’epoca conosciuto. Così facendo, tuttavia, compromette il favore di Atena e Zeus, i quali gli tendono un agguato durante la battaglia di Rodi, nella quale il nostro protagonista riesce a liberarsi della prima, ma nulla può di fronte al potere di Zeus, il quale gli dà una memorabile lezione.

In fin di vita, il nostro protagonista viene accudito da Gaia e dal popolo dei Titani, la razza che governava la Terra prima dell’avvento delle divinità greche, i quali indicano all’ex divinità la via per riconquistare quanto perduto, ovvero raggiungere le Sorelle del Fato e cambiare l’evoluzione dei fatti. Ovviamente il percorso che separa Kratos dall’obiettivo è lungo e irto di ostacoli, con tutta una serie di nemici che dovrà affrontare e sconfiggere a suon di combattimenti corpo a corpo e magie.

Caratteristiche

Questo è il pretesto con cui verrete proiettati, nei panni del nerboruto ex comandante spartano, nelle più varie ambientazioni a combattere contro tutti coloro che oseranno interporsi tra voi e la vostra meta finale. In particolare vi accorgerete della numerosità e varietà dei nemici che dovrete affrontare, i quali si ispirano in gran parte alla mitologia greca che avete (più o meno) imparato a scuola: oltre che con semplici soldati greci, infatti, dovrete vedervela con ciclopi, fiere a tre teste minotauri e divinità greche, come ad esempio il temibilissimo Zeus. In ogni caso vi accorgerete come tutti i combattimenti siano caratterizzati da un denominatore comune, la violenza, l’abbondanza di sangue versato e la frenesia degli scontri, che il più delle volte si riconducono a un combattimento corpo a corpo.

Durante la vostra avventura non mancheranno i classici up-grades: uccisione dopo uccisione, infatti, avrete modo di incrementare le abilità di Kratos, di acquisire nuove armi (tra cui un potentissimo quanto lentissimo martello, anche se vi accorgerete come la doppia spada di default si dimostrerà l’arma più versatile per affrontare ogni tipologia di nemico) e di imparare nuove magie (tra cui quelle del potere del vento, del ghiaccio...), utili per districarsi nelle fasi più concitate delle battaglie.

Ancora una volta presenti, inoltre, i rebus che difficilmente andranno oltre al posizionamento di un blocco di pietra sopra un determinato interruttore, all’azionamento della leva eccetera, utili per dare un po’ di respiro al vostro joypad (stremato dalla frenetica pressione dei pulsanti), ma non tali da inficiare il ritmo di gioco, comunque incalzante e coinvolgente.

Rispetto al prequel c’è una novità, rappresentata dalle sequenze a bordo di esseri volanti (Petaso, per intenderci). In queste fasi non avrete il pieno controllo del “mezzo” in quanto potrete deciderne solo piccoli cambiamenti di rotta, ma dovrete concentrarvi per combattere tutti coloro che oseranno avvicinarsi a voi. Non è certamente la fase più divertente del gioco, ma si tratta di un discreto diversivo.

La fase di gioco più convincente, invece, è sicuramente rappresentata dai combattimenti con i boss di fine livello (più numerosi rispetto al prequel), in cui la bieca pressione casuale dei pulsanti deve per forza di cose essere sostituita da una più ragionata strategia di scelta dell’attacco giusto da utilizzare al momento opportuno. Durante tali scontri sarete aiutati da mosse speciali che verranno attivate premendo i pulsanti mostrati dai suggerimenti in sovraimpressione.

Sonoro e Grafica

Dal punto di vista tecnico ci troviamo di fronte a una delle più impressionanti creazioni mai apparse su PS2: il comparto sonoro è caratterizzato da musiche capaci di accompagnare degnamente l’azione, così come il doppiaggio, realizzato con interpretazioni di primo piano.

Ma il vero protagonista assoluto di questo God of War II è sicuramente il motore grafico, capace di gestire una miriade di poligoni ricoperti da textures di ottima qualità. Basta guardare un paio di immagini per rendersi conto della splendida realizzazione dei paesaggi in cui andrete a combattere (intrise del fascino che contraddistingue le ambientazioni descritte dalla mitologia greca), il tutto condito da ottimi effetti luminosi e particellari, capaci di arricchire ulteriormente lo schermo.

Se a tutto ciò si aggiunge un approccio quasi cinematografico nella gestione delle telecamere (capace tuttavia di non intralciare la giocabilità) si riesce a capire come questo titolo si avvicini più a un film che a un gioco.

Non bisogna infine dimenticare come sia stata incrementata la possibilità di interagire con le ambientazioni, con qualche statua e qualche muro che si possono abbattere lasciando spazio a una nuvoletta di polvere.

Vari

Conclude il quadro della situazione una buona longevità del titolo che vi impegnerà per 12 – 15 ore, per poi invogliarvi a ripercorrere lo stesso cammino selezionando un maggior livello di difficoltà al fine di assicurarvi una valutazione superiore e sbloccare altri bonus.

L’unica vera pecca del gioco consiste nel finale, tale da presagire la futura comparsa sugli scaffali di un terzo capitolo della serie (questa volta per PS3), ma allo stesso modo di lasciare un tantino l’amaro in bocca.

In conclusione, siamo certamente di fronte a uno dei migliori action games delle console di (ormai) passata generazione, capaci di dimostrate come il termine “trapassata” non si addica ancora alla vecchia e gloriosa PS2. E ora tutti a leggere il commento e a prepararvi a correre ad acquistare il gioco!

Commento

God of War II si presenta alla fine dell’era della PS2 riuscendo nell’impresa di calamitare l’attenzione del settore, nonostante l’ormai avanzata fase di rodaggio delle console di nuova generazione. Una grandiosa realizzazione grafica, un ottimo sonoro e un gameplay convincente e ulteriormente migliorato fanno di questo episodio uno dei migliori action games apparsi su console. Un must per tutti gli appassionati del genere, che merita di essere provato anche dai non appassionati a patto di sopportare una notevole quantità di sangue sullo schermo.


PAGELLA

Gameplay: 9,5

Ottimo il gameplay, sapiente mix di combattimenti frenetici, di scontri ragionati con i boss, di esplorazione e di risoluzione di rebus

Sonoro: 9

Ottimo il sonoro che accompagna l’azione, così come il doppiaggio che una volta tanto è realizzato con le giuste interpretazioni

Grafica: 9,5

La realizzazione grafica è stupefacente, frutto di animazioni credibili, un imponente numero di poligoni, ottime textures e splendidi effetti luminosi e particellari.


NOTA:
Non si differenzia troppo dal prequel in termini di meccanica dei combattimenti ma, come si dice, squadra che vince non si cambia.

La recensione di God of war 2 è stata scritta e curata da monsteruno per GameStorm.it, pubblicata il 16-06-2007

Commenti sulla recensione (0)

Ultimi commenti degli utenti

lascia un tuo commento


Scrivi un commento

Commenti
Messaggio non inserito o troppo corto.
 
 

×

God of war 2

  • Immagine della copertina del gioco God of war 2 per PlayStation 2

Per effettuare questa azione occorre essere registrati.

×

Valutazione del gioco 9.2

L'ultimo voto è stato 10 dato da simone-ugo

Valutazione personale N/D

Dai la tua valutazione a God of war 2
 

Elenco degli utenti collegati in questo momento su gamestorm

×